IL CONVITATO DI PIETRA: IL CITTADINO RENZI

Non era presente ieri pomeriggio in Sala consiliare a Palazzo Marino, alle Commissioni congiunte Urbanistica e Mobilità per parlare di città Studi e del suo futuro.
In sua vece erano presenti l’assessore all’urbanistica Maran; Alessandro Balducci: ex prorettore Vicario di Architettura; ex assessore all’Urbanistica, all’Edilizia Privata e all’Agricoltura del Comune di Milano in sostituzione di Ada De Cesaris (1), nominato dal sindaco Pisapia, dopo che era salito sul palco della «Leopoldina» il mese prima; ora nominato consulente dal Sindaco Sala sui temi di Città Studi, Istituto Besta, Istituto Tumori, scali Ferroviari – compreso quello di Lambrate.
A latere vi era anche l’assessore alla Mobilità Monguzzi che da verde convertito, recentemente si è prodotto in una interrogazione contro la gestione di Bruno Rota. Implicitamente si è così schierato con Sala che rottamando Rota ha aperto la strada a Fs italiane.

Commissione grandemente partecipata durata oltre 3 ore.
Applausi alla fine di ogni intervento dei cittadini.
Riportiamo come sintesi l’intervento di Marina Romanò del gruppo Che ne sarà di Città Studi?

Alla fine della seduta l’assessore all’Urbanistica Maran
– ha elargito bollicine
la vocazione di Città Studi rimarrà la stessa;
le funzioni attuali possono essere rinforzate;
– ha parlato di esodi biblici:
ora a Città Studi ci sono 34 mila studenti, resteranno poco sotto questo numero.
Il perché è presto detto: la Statale sposterà a Città Studi nuovi corsi (ideona! Se ne va perché gli hanno detto che ristrutturare gli immobili attuali è meno conveniente che andare su area EXPO e poi quegli stessi immobili, da ristrutturare, pensa di utilizzarli per metterci altri studenti (non è dato di capire se attualmente sono dispersi o debbono ancora a nascere).
Secondo Maran le 17000 persone del Politecnico che ora sono a Città Studi, possono aumentare di numero (ideona espressa anche dal nuovo rettore del Politecnico, Resta, all’apertura dell’anno accademico: rafforzare il Campus Sostenibile della Bovisa e di Città Studi. Peccato che il campus Città Studi annunciato il 21 settembre 2011 doveva coinvolgere Politecnico e Università Statale, svilupparsi su 400.000 mq. e inglobare, tra l’altro, la Piscina Ponzio (di cui recentemente abbiamo scritto).
Ovvero Politecnico e Statale con i soldi nostri volevano appropriarsi di altri suoli pubblici a onore e gloria dei loro rettori e dei senati accademici che li hanno nominati). L’unica cosa che il campus sostenibile ha prodotto è stata quella di permettere al rettore Azzone di migrare sui terreni di Arexpo, essendo diventato il presidente della società proprietaria dei terreni su cui si è svolta l’esposizione universale (1); di far si che il Balducci sempre in sella, tenga gli occhi puntati sulle parti più pregiate di città Studi, tutelando il nuovo rettore Resta, voluto da Azzone, per accaparrarsele.
Notevole il fatto che il Corriere della Sera, per la seconda volta in pochi giorni sembra ammicchi agli studenti dando loro voce, sostenendo dapprima che gli stessi studiano nei corridoi (vd.) e poi che se gli edifici rimangono vuoti possono essere occupati. Ma qui si vede la pagliuzza e non la trave.
L’ultimo colpo di scena è stato l’annuncio che dovrebbe – il condizionale è d’obbligo – essere recuperato un immobile di proprietà della Statale sito in  viale Abruzzi 42. La statale lo ha messo in vendita suggerendone una destinazione ad albergo. Ma non ha trovato alcun compratore.  Vi era la biblioteca dell’Istituto di Chimica Farmaceutica e Tossicologia. Ma da anni e anni è abbandonato.

______________
1) Ada De Cesaris, vicesindaco di Milano e assessore all’Urbanistica se ne era andata in punta di piedi dal Comune – aveva promesso che sarebbe tornata a fare l’avvocato – è ricomparsa come consigliere della società Arexpo.
Illuminante come il Golf People Club Magazine ha accolto tale nomina
1 dicembre 2016
ADA LUCIA DE CESARIS – AREXPO
Il direttore responsabile Golf People Club Magazine , unitamente a tutti i componenti dello staff editoriale , intendono esprimere le proprie congratulazioni al neo eletto consigliere di Arexpo ,  società proprietaria dei terreni dell’ Expo e futuro gestore del progetto di sviluppo delle aree da più di un milione di metri quadrati, avvocato Ada Lucia De Cesaris che sarà affiancata nel ruolo da un altro consigliere , Marco Simoni , , 43 anni, tra i principali consiglieri economici del premier Matteo Renzi , già capostaff di Carlo Calenda viceministro durante il governo di Enrico Letta , con varie cattedre (tra cui alla London School of Economics) e un’esperienza alle Nazioni Unite
Ada Lucia De Cesaris , ex vicesindaco di Milano durante la giunta Pisapia , avvocato amministrativista e già assessore all’Urbanistica , aveva seguito la determinazione della destinazione d’uso della zona , al confine tra il Comune di Milano e il Comune di Rho . De Cesari è stata nominata dal ministero dell’Economia e delle Finanze, entrato ufficialmente nella compagine azionaria come socio di maggioranza relativa .

 2) Il 4 marzo 2016 un comunicato dell’ANSA diceva “Il Consiglio di Amministrazione di Arexpo, la società proprietaria dei terreni dell’area Expo, nella sua seduta di insediamento ha formalizzato oggi la nomina a presidente della Società del rettore del Politecnico di Milano, Giovanni Azzone, e quella ad amministratore delegato del direttore generale di Regione Lombardia, Giuseppe Bonomi. Il terzo componente del Cda è la dottoressa Chiara Della Penna. Azzone è stato indicato dal Comune di Milano, Bonomi dalla Regione, Della Penna dalla Fondazione Fiera. La prossima assemblea straordinaria dovrebbe ratificare l’ingresso del Governo in Arexpo, con la nomina di due membri nominati dal Ministero dell’Economia. L’assemblea straordinaria verrà convocata quando il decreto della presidenza del Consiglio, che regola l’ingresso del governo in Arexpo, sarà registrato alla Corte dei conti. Il Governo dovrebbe detenere il 40% di Arexpo, Regione Lombardia e Comune di Milano il 25% a testa, Fondazione Fiera il restante 10%“.

Digressione | Questa voce è stata pubblicata in redazione e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...