23 aprile COMMEMORAZIONE DEGLI OPERAI INNOCENTI MORTI NEL 1944-45 NEI LAGER NAZISTI

IMG_6239w

Digressione | Pubblicato il di | Lascia un commento

22 aprile PAGINE DI MEMORIA

Il 25 aprile è la festa della Liberazione dell’Italia dal nazi-fascismo. E’ giorno di festa per ricordare da dove viene la nostra libertà.
L’ala creativa dell’ANPI Zona 3 ha ritenuto di anticipare tale anniversario è si è inventata una nuova ricorrenza: l’anniversario  dell’inaugurazione del monumento “Pagine della Memoria” dedicato ai 15 partigiani fucilati al campo Giuriati. Si da il caso che lo stesso sia stato inaugurato il 21 marzo 2015.

ri

Digressione | Pubblicato il di | Lascia un commento

4 – 23 aprile ULTIME DALLA INNSE

Tratta dal sito Facebook di Roberta Turi

4 aprile Dalle ore 8.00 alle ore 9.00, all’interno della fabbrica, è stata indetta una assemblea sindacale retribuita con la finalità di eleggere la nuova RSU aziendale.
Il primo dei candidati presenti nella lista era Nicola Ventura Responsabile Servizio Prevenzione Protezione, ovvero un candidato filo-aziendale.
Nella lista degli aventi diritto al voto risultavano due nuovi dipendenti: Cosimo Spina e Luca Mario Spina. Costoro si sono presentati al “seggio”, per votare, dopo la sua chiusura (per loro stessa ammissione).
La votazione si è svolta alla presenza di Roberta Turi della Segretaria nazionale Fiom – Segretaria generale Fiom Milano, la quale ha constatato che il nuovo consiglio di fabbrica della INNSE di via Rubattino è ora composto da: Fabio Botta Ferla (riconfermato) – è l’ultimo superstite degli operai che nell’agosto del 2009 salirono sul carroponte della fabbrica per salvaguardare il loro posto di lavoro; Stefano Blasio (riconfermato) e Felice Pugliese nuovo eletto, subentrato a Vincenzo Acerenza.

9 aprile Cosimo Spina e Luca Mario Spina inviano una raccomandata a mano
Alla commissione elettorale INNSE MIlano Spa … Di seguito riportiamo il testo


10 aprile
La commissione Elettorale INNSE ha così risposto

Per meglio comprendere lo svolgimento dei fatti giova specificare che la INNSE dopo avere perso nei mesi scorsi la causa nei confronti di 2 dipendenti – Massimo Merlo e Dario Comotti – licenziati illegittimamente ma non reintegrati – non ha, contrariamente alle dichiarazioni fatte negli anni precedenti, rilanciato l’azienda e assunto nuovo personale. A meno che non si voglia considerare come lavoratori preposti al rilancio produttivo aziendale 2 persone che già svolgevano all’interno dell’azienda un lavoro di sorveglianza appaltato ad una ditta esterna e con tale mansione sono stati assunti a tempo indeterminato.

23 aprile COMMEMORAZIONE FUORI DEI CANCELLI DELLA INNSE DI VIA RUBATTINO DEGLI OPERAI DELL’INNOCENTI DEPORTATI E MORTI NEI LAGER NAZISTI
La nuova RSU ha deciso di commemorare gli operai dell’Innocenti deportati e morti nei lager nazisti (1944-1945),  lunedì 23 aprile, alle ore 14,  fuori dai cancelli della INNSE di via Rubattino 81.
Così che la loro memoria sia onorata da tutti coloro che nel passato hanno lavorato nella fabbrica (compresi gli operai appena licenziati) e da tutti i sinceri democratici.


Digressione | Pubblicato il di | Lascia un commento

20 aprile ALL’ORTO BOTANICO CITTA’ STUDI INAUGURAZIONE DI UNA MOSTRA PERMANENTE DI BOTANICA FORENZE

Ingresso orto: Via C. Golgi 18, Milano
tel: +390250320886 Uffici, +390250320888
e-mail:ortobotanicocittastudi@unimi.it; orto.didattica@unimi.it

Digressione | Pubblicato il di | Lascia un commento

17 – 22 aprile MOSTRA ALLA FONDAZIONE TIMESHRINE

Qualcuno di voi avrà visto l'”articolo” di ieri intitolato Puoi entrare nel mondo ma non sporcare. Vi erano riportati l’invito a visitare la mostra e alcuni pannelli della stessa.
L’ultimo scatto riprendeva alcune maestre della scuola dell’infanzia, il presidente e il vice presidente del Municipio 3, la direttrice del circolo didattico e una donna con un microfono in mano: Anne de Carbuccia artista franco-americana e anima della Fondazione Timeshrine da cui è partita l’idea e il coinvolgimento della scuola dell’infanzia Pini perché nell’anno 2017/18 i bambini della scuola venissero coinvolti in un progetto didattico di sensibilizzazione sui temi dell’ambiente.
Tutto è nato nel settembre dell’anno scorso quando Anne ha invitato le maestre della scuola e i loro piccoli a visitare la sua mostra ONE ONE PLANET ONE FUTURE sollecitandoli a rielaborare quanto da loro visto.
La mostra in via Conterosso 8, sede della Fondazione, è quindi la plastica visione di quanto i piccoli hanno rielaborato pittoricamente dal vedere le foto di Anne.
In sostanza ONE ONE PLANET ONE FUTURE è stato il punto di partenza dal quale i bambini hanno poi elaborato lungo tutto l’anno una loro sensibilità nei confronti dell’ambiente in cui vivono.

Una piccola notazione. Nell’ultima sala della galleria vi sono due cassettiere a testimonianza di quel che era stato quel luogo: un negozio di ferramenta che annoverava tra i suoi clienti l’Innocenti e le tante fabbriche che la Lambrate industriale ha conosciuto. Un negozio a conduzione “famigliare” rimasto in famiglia e trasformato ora nella sede di una fondazione internazionale.

 

Digressione | Pubblicato il di | Lascia un commento

17 -22 aprile PUOI ENTRARE NEL MONDO MA NON SPORCARE

DSC00278x.jpgDSC00295-1X

Digressione | Pubblicato il di | Lascia un commento

SORPRESA

Quasi tre anni or sono, tornati dalle vacanze estive, ci imbattemmo in una serie di saracinesche dipinte in piazza Udine e in via Feltre. Era una bella nota di colore. In seguito ci siamo presi la briga di fotografare tutte le saracinesche che negli anni erano state dipinte in zona. (vd.)
Ogni tanto ne abbiamo visto comparire una. Ma quel che abbiamo visto di recente è stato un fiorire tra via Rombon e via Ronchi.

P. S. Posizionate il cursore su una delle immagini potete vederla ingrandita, se premete il tasto sinistro del mouse

Digressione | Pubblicato il di | Lascia un commento

1 aprile PASQUA CON SORPRESA

Nel 1960 il primo aprile cadde di venerdì e la Pasqua sarebbe stata il giorno 17. Qualche giorno prima di quella data, tutti i Martinitt di via Pitteri 56, pensarono in cuor loro che per una volta la sorte era stata benigna: dalle finestre avevano visto la carovana fuori dal portone.
20150405
Poi furono avvisati di schierarsi nell’atrio del collegio per ricevere il convoglio.
Dapprima vi fu un intoppo: le due uova più alte (quelle col berretto) non potevano entrare dal port
one principale e dovettero usare il passo carraio.
Poi,
quando tutte furono entrate, cominciarono a fare il giro del cortile centrale.
E i Ma
rtinitt a battere le mani e a pregustarle.
Completato il giro, sorpresa: gli APE con le uova uscirono tutti dal passo carraio e i Martinitt rimasero a bocca aperta. Per poco. Qualche giorno. La Nestle detto a ognuno un uovo pasquale. Ma loro lo ebbero solo quando andarono a casa per le vacanze Pasquali.

Digressione | Pubblicato il di | Lascia un commento