Oltre la ferrovia sono stati abbattuti degli immobili in:  via Canzi – Crespi – San Faustino e ne sorgeranno altri a edilizia residenziale per un totale di 107 appartamenti; in via Bistolfi – Priorato – San Faustino – De Nora dovranno sorgere circa 250 appartamenti. Il dato è da prendersi con le molle perché non sappiamo se comprende anche gli appartamenti che saranno edificati con l’abbattimento degli immobili che gravitano su via Trentacoste 5, via San Faustino e via Priorato. Per quanto riguarda gli immobili abbattuti in via Ponte di Legno – via Durazzo/via Maniago per ora nulla ci è dato di sapere su quanto sarà edificato.
L’assessore Dario Mozio Compagnoni, del Municipio 3, sicuramente ha dati certi che se comunicati farebbero cosa gradita ai cittadini elettori.
Da parte nostra segnaliamo che le imprese che si sono cimentate nella demolizione/costruzione di nuovi appartamenti occupano parte dei marciapiedi senza che vi sia segnalazione dell’inagibilità del marciapiede stesso e dell’occupazione del suolo e del pagamento dell’onere dovuto.

In un recente passato avevamo segnalato che un ping pong, in via De Nora, era stato danneggiato. Un cittadino ci aveva segnalato che … l’assessore ci ha risposto che non essendoci testimoni oculari non poteva essere ritenuta responsabile l’impresa Borio e pertanto “il ping pong dovremo ripristinarlo noi“: ovvero il Comune e i sottoscrittori del patto di manutenzione della via De Nora.
Ciò premesso
Assessore Dario Monzio Compagnoni
ha verificato se l’impresa che ha demolito gli stabili che si affacciavano sul via De Nora a mai richiesto l’occupazione del suolo di detta via in modo da metterla in sicurezza per salvaguardare l’incolumità dei pedoni e il non danneggiamento dei beni (ping pong) che su essa stazionano?
Ci smentirà  circa l’uso dei marciapiedi da parte delle imprese demolitrici/Edificatrici?

Pubblicato il da TWB | 2 commenti

Pubblicato il da TWB | Lascia un commento

Lungo la strada parallela a via Canneto, Orticaoodles hanno dipinto questi fiori.
Ma neppure sulla loro pagina di Facebook si sono degnati di svelare il nome dei fiori dipinti!
Se riuscite diteceli.
Gli abitanti del quartiere delle case minime sulle prime avevano equivocato, fomentati da qualche oppositore, non alla loro opera, ma alla gestione delle case popolari del Comune e avevano addirittura gridato allo scandalo facendo credere che i murales sarebbero costati alla collettività oltre 160.000 euro.
Ovviamente il solito consigliere del Municipio 3 ha avallato la protesta. Ma la cosa è rientrata perché lo sponsor dei dipinti era un privato!

Pubblicato il da TWB | Lascia un commento
Pubblicato il da TWB | Lascia un commento

Se lo domanda il piccione ma è il solo che se lo domandi.
Nessuno vuole giocare su quella moquette tappezzata di foglie. Perché a nessun genitore dotato di intelletto verrebbe mai di pensare di portarsi da casa una scopa e le bocce e di dire: “bambini giocate”.
Sono 5 anni che quella moquette è stata posata e, a parte le foglie, nessuno è mai entrato nel perimetro.

Ma fosse solo questo!
Ecco come sono curati degli “spazi” perché crescano i fiori. Erano stati realizzati con le migliori intenzioni, Come chiamarli invasi? giardini? campisanti dei fiori?

Presidente del Municipio 3 Caterina Antola è al secondo mandato: faccia qualcosa per la piazza di Viale Rimembranze di Lambrate!

Pubblicato il da TWB | Lascia un commento

In piazzale Bacone abbiamo l’ultimo esempio di “urbanismo tattico”* realizzato nel Municipio 3. E’ talmente riuscito che è assurto alla cronaca televisiva in un filmato trasmesso alcuni giorni or sono da Striscia la Notizia.

Per par condicio vi facciamo vedere le foto che rappresentanti del Municipio 3, ma anche alcuni quotidiani,  hanno pubblicato su quanto sino ad ora realizato.

_______________
* Gli elementi che distinguono l’urbanismo tattico: sono il carattere partecipativo, il nascere come soluzione temporanea e l’economicità. Le azioni di urbanismo tattico nascono da un’analisi delle esigenze nascenti dei cittadini. Inoltre per realizzarle non sono necessari investimenti ingenti: panchine, tavoli, tavoli da ping pong, piante in capienti contenitori e poi tanta vernice. L’aspetto più delicato da gestire è la riorganizzazione del traffico veicolare.

Pubblicato il da TWB | Lascia un commento

E’ il Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia di Milano.
L’opera potrà essere vista nel giardino del primo chiostro dell’edificio monumentale del Museo, anch’esso restaurato.
I “Sette Savi” sono un’opera di Fausto Melotti costituita da sette figure scolpite in Pietra di Viggiù,  e raffigura i saggi custodi della civiltà greca i cui nomi – invero – non sono unanimemente ricordati:  Talete, Solone, Periandro, Cleobulo, Chilone, Biante e Pittaco.

Le statue, dopo il 1968, sono state portate in un magazzino comunale – erano state usate in modo improprio nel cortile del Liceo Carducci – e lì sono rimaste sino a quando, nel 2013, sono state restaurate a spese della SEA e collocate in un allestimento provvisorio all’aeroporto di Malpensa. Sono state riproposte sei anni dopo, ancora presso l’aeroporto, con l’intento di suscitare interesse, dibattito e idee per trovare loro una collocazione definitiva.
E così è stato. E il direttore del Museo Fiorenzo Galli ha spiegato perché la scelta è caduta sulla sua sede “In un’epoca in cui le tecno-scienze condizionano in modo aggressivo la nostra vita, prevalendo sull’umanesimo, è necessario che le nuove generazioni sposino alle capacità della tecnica il retaggio profondo dell’arte, in una fertilizzazione incrociata di valori identitari“.

Pubblicato il da TWB | Lascia un commento
Ieri mattina è stato redatto l’atto formale di nomina, da parte della Presidente di Municipio 3, Caterina Antola, degli assessori  della Giunta.
 
VALERIA BORGESE  assessore con delega a:
Cultura e Pari opportunità,
Commercio e Lavoro
 
DARIO MONZIO COMPAGNONI assessore con delega a:
Urbanistica
Territorio
Verde e Mobilità
 
FILIPPO ANDREA ROSSI assessore con delega a:
Politiche Sociali e giovanili
Promozione della Nonviolenza
Sport
Benessere animale
Comunicazione Istituzionale e rapporti con il Consiglio.
La presidente del Municipio 3, CATERINA ANTOLA, ha riservato per sé le deleghe della:
Educazione
Case popolari
Periferie
Piano quartieri
Bilancio
Affari istituzionali
Sicurezza.
 
In serata il primo Consiglio di Municipio ha eletto con i soli voti della maggioranza, l’opposizione si è astenuta, Silvia Pettinicchio  quale Presidente del Consiglio di Municipio 3.

Di seguito ecco i volti dei consiglieri eletti nel Municipio 3
PARTITO DEMOCRATICO BEPPE SALA

Su 13 consiglieri 8 sono di prima nomina, indicati con un asterisco.

BEPPE SALA SINDACO

1 nuovo consigliere. Simona Zelasco riconfermata, Monzio Compagnoni era stato eletto nella scorsa legislatura come indipendtente nella lista del PD.

EUROPA VERDE 

Due nuovi consiglieri. Si fa per dire perchè Michele Sacerdoti ha fatto più legislative ma non l’ultima.

I RIFORMISTI LAVORIAMO PER MILANO 

ENRICO STROPPA



 

 

 

 

 

Nuovo consigliere

LA SINISTRA PER SALA MILANO UNITA

RAHEL SEREKE

 

 

 

 

 

 

 

Nuovo consigliere

FORZA ITALIA 

Due consiglieri riconfermati su 3. Nuovo Luigi Francesco Morandi

LEGA SALVINI PREMIER

1 nuovo consigliere su 3. Piero Migliarese era stato eletto nella lista IO CORRO PER MILANO LISTA CIVICA PARISI PER UNA MILANO UNICA

FRATELLI D’ITALIA

MAURIZIO GUSSONI  LUIGI CESARE GIUSEPPE  (non eletto) era il candidato presidente del Municipio per la coalizione di Cemtro Destra
4 nuovi Consiglieri

Pubblicato il da TWB | Lascia un commento