Circa 2 mesi orsono abbiamo scritto dei murales realizzati per conto dalle cooperative che hanno realizzato il condominio Cohabitat di via Pitteri 93.
Oggi passando per detta via abbiamo notato che i cancelli del civico 91 sono stati dipinti dalla stessa mano, per conto dei proprietari eredi delle famiglie Gola Bombelli.

Per conoscere la storia di queste operose famiglie vi rimandiamo a La società anonima Ing Emilio Gola…
Il muro di cinta del civico 91 si affaccia sull’area che da accesso al civico 93.
Sino a poco più di due mesi fa sotto detto muro sostavano le auto.
Come riportato nell’articolo sopra citato il solo murales finanziato dal Municipio 3 fu quello realizzato sul muro in oggetto con la motivazione che aveva un affaccio su area pubblica: (fonte consigliere Monti, del Municipio 3, presidente, anche, di una delle cooperative che hanno costruito il civico 93).
Si da il caso che dopo l’inaugurazione del murale il parcheggio è stato transennato in modo estemporaneo.

E, da persona informata dei fatti, abbiamo appreso che al posto del parcheggio vi sarà un giardino. Dobbiamo ascrivere al sindaco green questo cambio d’uso del suolo pubblico o ai buoni uffici del consigliere Monti? Chi vorrà ce lo dirà.
Di certo né il Sindaco né il Municipio 3 sono riusciti, come dicono lor signori, a riqualificare l’area che circonda il civico 91: che doveva essere giardino pubblico a scomputo degli oneri di urbanizzazione del civico 93!

 

Pubblicato il da TWB | Lascia un commento

Questo manifesto programmatico dell’autocandidato sindaco di Milano Giuseppe Sala lo si evince leggendo questi due articoli apparsi nel giro di 20 giorni.

25 maggio 2021 la Gazzetta dello sport Sala: “Svillaneggiato dall’Inter, ma qualche ragione l’avevo. Ora sullo stadio…”

16 giugno 2021 Comunicato stampa del Comune di Milano “Palazzo Marino. Il Sindaco Sala incontra il Presidente e l’A.D. dell’Inter

Il fatto che Sala si preoccupi se l’INTER ha i soldi per costruire lo stadio su terreni Comunali la dice lunga di come ha governato la città: subalterno e villaneggiato.

Ma un uomo così vi piace?
E’ stato city manager del sindaco Moratti. Poi è diventato amministratore delegato di EXPO e si è coperto di “meriti” per il lavoro svolto tanto che ha rimediato una condanna di sei mesi: pena convertita in 45.000 euro di multa. La sua reazione alla condanna è stata “Resto sindaco, poi non so“.
Infatti Salvini non gli torse un capello forse perché Sala godeva di immeritata gloria

Ma Sala in scadenza di mandato, l’anno passato, fece il giro delle sette chiese per trovare un nuovo lavoro. Addirittura andò a bussare alla porta di Beppe Grillo!
Poi capito che nessuno se lo filava e sentiti gli scricchiolii dei rampanti del PD che lo volevano defenestrare ha avuto un colpo di reni: prima si è auto-ricandidato a sindaco e il PD zitto; poi ha firmato la Carta dei valori dei Verdi Europei e il PD zitto.
E adesso, a mandato scaduto, ma prorogato per Covid, si preoccupa di concludere l’iter burocratico dello stadio! A conferma della sua anima green.
E l’opposizione? Non ha ancora trovato un candidato da opporgli. Ma la cosa non provoca mal di pancia: perché Sala è uno che sa fare squadra, insieme a Loro.
La prova: le Olimpiadi di Cortina.

Pubblicato il da TWB | Lascia un commento

Da una informativa del Comune
A partire dal 16 giugno sul sito del Comune di Milano è possibile prenotare gli appuntamenti nella sede di via Sansovino 3.
Il Ministero dell’interno ha disposto la proroga della validità della carta d’identità al 30 settembre 2021: si può viaggiare nei confini nazionali anche con la carta che indica una data di scadenza già passata.
Per motivi di urgenza (es. prima emissione minori, furto, smarrimento, viaggio già prenotato) è possibile accedere senza appuntamento in una delle sedi anagrafiche aperte con la documentazione necessaria (denuncia, titolo di viaggio). Solo in caso di tempistiche particolarmente stringenti si può richiedere l’emissione della carta d’identità cartacea, altrimenti si procede con la richiesta di CIE (6 giorni per l’emissione).

Pubblicato il da TWB | Lascia un commento

Potrebbe essere un'immagine raffigurante testo

A Lambrate:  esposti su balconi e in cortili più di 100 pezzi realizzati da artisti provenienti da Austria, Australia, Brasile, Canada, Croazia, Cile, Finlandia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Israele, Lituania, Messico, Porto Rico, Russia, Spagna, Svezia, Svizzera, Sud Africa, Usa e Venezuela.
La I° edizione italiana interamente dedicata a queste opere d’arte realizzate all’uncinetto si era tenuta nell’estate del 2019 a Trivento (Campobasso).
L’iniziativa di quest’anno  si svolge  a Lambrate grazie a Yarn Bombing Trivento, Associazione culturale Formidabile Lambrate, Associazione Made in Lambrate, Hub/Art Exhibition, Scalo Lambrate con il patrocinio del Comune di Milano e Municipio 3.
Il ricavato della vendita delle opere all’uncinetto sarà devoluto alla Caritas Ambrosiana a sostegno dell’Emporio della Solidarietà del Municipio 3.

Pubblicato il da TWB | Lascia un commento

La qual cosa agli occhi di Salvini non l’ha messa in buona luce

Il Giorno ha pubblicato, il 5 giugno, sulle pagine della cronaca milanese, la notizia che, da ieri, la presidente di Federfarma Lombardia è indagata dalla Procura di Torino con l’accusa di diffamazione. Il suo nome è ANNAROSA RACCA, nella zona di Lambrate più conosciuta come titolare della farmacia di via Rombon 39.

“La Racca avrebbe creato un falso profilo Facebook per screditare un rivale, il presidente di Federfarma Torino Marco Cossolo, che le contendeva la presidenza nazionale di Federazione di categoria. La numero uno lombarda dell’associazione dei farmacisti avrebbe scritto post contro Cossolo attribuendogli comportamenti che danneggiavo Federfarma. Per fare questo avrebbe rubato una foto da Internet e avrebbe usato il falso nome di Michela Franceschetti, sostenendo di essere una farmacista.
Ovviamente sarà il proseguo delle fasi giudiziarie a chiarire meglio la vicenda.”
Di certo non la mette in buona luce agli occhi di Salvini, considerato che a Milano circolava il suo nome come possibile candidata a sindaco per il Centro Destra.

Se vi posizionate sulla riga e l’attivate potete leggere l’articolo apparso su IL GIORNO
o  anche
o anche
o  anche LA REPUBBLICA 

Pubblicato il da TWB | Lascia un commento

Così hanno pensato di ammassare le nuove generazioni nello scalo di Lambrante!

Lo slogan è tutto un programma “un quartiere accessibile (ma complicato ad uscirci) tra verde (ben 900 alberi), piazze (3 a che pro?) e poesia (scritta sulla massicciata della ferrovia: che poesia!)

Pubblicato il da TWB | Lascia un commento

Stiamo parlando dei grattacieli che dovrebbero sorgere in via Crescenzago 105-107.
Il titolo fa sorridere perché ad oggi dei grattacieli non v’è ombra. Quel che è certo è che l’impresa di trasporti che a quel civico 105 aveva la sua attività non c’è più e nemmeno il fabbricato.
La tabella di marcia dei lavori prevede che entro il 1 luglio l’area sia sgombra e, ad oggi, l’area demolita si presenta così.


Se tutto procederà come prevedono i costruttori dovremo ringraziare il Sindaco Verde Sala e il suo piano regolatore.

Pubblicato il da TWB | Lascia un commento

Riusciranno i ns. eroi a termine l’impresa di sgomberare gli orti che insistono su un terreno dell’INPS?
Giova ricordare che tale intervento è a cura dell’INPS su sollecitazione del Comune sollecitato da Fondazione Cariplo.

Stante le premesse e le esigue forze messe in campo stamane: 2 operai, 8 vigili urbani e 2 ortisti, con i dovuti tempi, parrebbe che sia la volta buona.
Ma stante a quanto detto da un ortista si stanno attivando dei consiglieri comunali … e, pensiamo, chissà quanti avvocati!
Ma stiamo ai fatti.
Stamane il cancello del numero civico 70 era aperto – ci chiediamo perché mai non lo sia tutti i giorni considerato che insiste, a detta degli esponenti del Municipio 3, su un’area restituita alla città, che dovrà ricongiungersi al parco Lambro.
Incamminatici verso la città abbiamo visto in lontananza che stavano transennando l’area di intervento, poi un camion – probabilmente quello che ha portato le transenne – e  ancora un cassone, vuoto, per materiali ingombranti.

Pubblicato il da TWB | Lascia un commento