15 dicembre LA FORCA CAUDINA DI AMAZON

Non si finisce mai di essere sorpresi dalle grandi multinazionali, come Amazon, che non pagano tutte le tasse in Italia e…

Nei giorni del Black Friday, non 1 ma 7 giorni, ho fatto acquisti su Amazon. Tre regali di natale per il nipote e due per me, più qualche ebook.
Tralasciamo quando sono arrivati gli acquisti: non in 24 ore. Tralasciamo che i corrieri hanno detto che erano venuti a casa mia e non mi hanno trovato: ero in casa e Amazon, che li controlla tramite GPS, ha ammesso che erano passati a 500 metri di distanza da casa mia. Tralasciamo che mi hanno assicurato che sarebbero arrivati nel pomeriggio e li ho attesi fino a sera per accorgermi che non era vero. Tralasciamo che effettuato il primo ordine gli altri me li hanno spediti o a casa di mia figlia o alla casa che quest’estate avevo preso in affitto al mare.
Anzi no. Alla casa al mare avevano spedito un HD esterno del valore di circa 60 euro. “Fortunatamente” mi sono accorto della cosa. Ho annullato l’ordine e riordinato l’HD, pagando con la carta di credito, per la seconda volta, 60 euro.
Di norma il rimborso Amazon lo effettua in 2 o 3 giorni. Ma nel mio caso fatto l’ordine il 29 novembre il 14 dicembre l’accredito non l’avevo ancora ricevuto.
Perché?
“Non sono ancora passati 15 giorni lavorativi” mi ha detto Alessandro, il telefonista che mi a risposto, dall’Italia in nome e per conto di Amazon (telefonata registrata), e ha sostenuto che 15 giorni erano i tempi che Amazon impiega per trasmettere l’ordine di rimborso alla banca che a sua volta effettua l’accredito.
Trasecolo. In men che non si dica Amazon incassa i soldi ma quando li deve restituire ne impiega 15 giorni!
Chiedo.
E’ colpa della banca?
Non l’ho detto, mi risponde Alessandro che candidamente mi informa che Amazon non aveva ancora mandato alla banca la richiesta di rimborso. E per tacitarmi, zelante, mi ha detto di attendere: l’ordine di rimborso l’avrebbe inoltrata subito. Ha impiegato 7 minuti per trasmetterlo alla banca per poi comunicarmi che ci sarebbero voluti 5 o 7 giorni lavorativi perché io ricevessi sulla mia carta di credito i 60 euro.
Invece di ringraziarlo (per cosa?) gli ho nuovamente chiesto i 5/7 giorni dipendono dalla banca?
Mi ha risposto NO. Riceverò i mie soldi allo scadere dei 15 giorni lavorativi  indipendentemente dal fatto che io abbia sollecitato il pagamento.

MORALE: Chi deve avere un accredito da AMAZON superiore a un certo importo deve passare sotto le forche caudine del suo filtro: 15 giorni!

P.S. Alessandro durante le conversazione mi ha fatto una domanda? Lei vuole essere rimborsato tramite una carta regalo o accredito? Io ho risposto accredito.
A Voi scoprire se la carta regalo la potete spendere subito!

Digressione | Questa voce è stata pubblicata in redazione. Contrassegna il permalink.

Una risposta a 15 dicembre LA FORCA CAUDINA DI AMAZON

  1. Daniela ha detto:

    ovvio che ci siano sempre inghippi a loro favore, altrimenti non sarebbe una multinazionale capace di distruggere l’esistenza dei piccoli negozi magari a conduzione famigliare che con responsabilità diretta e quotidiana offrono una maggior fiducia. Ma chi li caga più ?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...