20 novembre ZANNA

Ieri c’erano gli amici con i figli, i parenti con i figli, i conoscenti. C’era un compressore che pompava musica a palla. Qualcuno che accennava a qualche passo di danza. E c’erano loro che stavano creando; e c’era lui, l’art director, aveva già sovrainteso alla realizzazione del murales per Teo
e a quello in biblioteca, commissionato dall’ANPI. Mi ha chiesto perché Matteo Renzi è andato dal vicino, a Zero Gravity, e non è andato a vedere il murales che aveva fatto lui…
C’era chi si fermava a guardare ma…
Siamo riusciti a capire solo che chi veniva raffigurato sulla  massicciata di  via Rodano aveva come soprannome Zanna; usava nel parlare un intercalare ” per riprincipiare”; abitava in via Valvassori Peroni; aveva poco più di 40 anni; è morto d’infarto questa estate. Era un generoso.
Ieri il murales non era ancora finito ma…

Digressione | Questa voce è stata pubblicata in Murales, redazione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...