BRUTTA FIGURA DEL CIRCOLO 02PD, DI VIA EUSTACHI 48

Sembra che i vertici del Circolo, così come molti consiglieri del Circolo neo eletti al Municipio 3, non sappiano cosa hanno fatto i vecchi consiglieri di Zona 3.
Dialogo tratto da facebook promosso il 29 luglio da Francesca Terzoni (coordinatrice del Circolo 02PD, candidata alle primarie del PD nel comune di Bareggio per la scelta dei candidati del PD alle elezioni politiche del 2013, ecc.  ) scrive “interessata” un appello ai Suoi (compagni di partito, parenti, amici, conoscenti, sodali?) a proposito del primo lotto, dato in concessione d’uso, del centro sportivo Crespi di proprietà comunale, sito in via Valvassori Peroni 48. Ovvero della erigenda palestra di Zero Gravity.
FRANC
Francesca Terzoni Lo vedete quel bel pezzo verde che era l’ultimo prato selvatico di Città Studi fino ad una settimana fa? Ecco, proprio adesso ci stanno gettando il cemento per il terzo giorno di fila, un’altra settimana e il processo sarà irreversibile. Tra un mese ci sarà una palestra di tre piani color blu ikea. Siamo sicuri che sia giusto così? Riusciamo a fare qualcosa? ore 8:50 
Stefano Boeri Carlo Monguzzi Pierfrancesco Maran Giuseppe Santagostino Renzo Gorini Filippo Andrea Rossi Filippo Barberis Laura Specchio Angelo Turco Lamberto Bertolé Paola Bocci Natascia Tosoni Matteo Pucciarelli Roberto Rho Oriana Liso

Maria Luisa Mello ma è quello spiazzo accanto alla Valvassori Peroni? ore 8:53
Francesca Terzoni Esattamente, quello davanti alla biblioteca comunale. Lo vedo morire davanti a me da una settimana ore 8:54
Giuseppe Santagostino Consiglio di Zona 3: è uno di quelli che non abbiamo perso. Forse sono interessati alla cosa. ore 8:56
Francesca Terzoni Sinora no, si sono appena insediati e per la maggior parte non sanno cosa ne sarà di quel prato. ore 8:57
Francesca Terzoni A me che nel 2016, nella città più di cemento d’Italia, ci si bruci l’ultimo prato di un intero quartiere sembra da pazzi irresponsabili. Ore 8:58
Giuseppe Santagostino Einaudi diceva ‘conoscere per deliberare ‘ siccome il Consiglio di Zona il suo parere deve averlo dato (deliberare) qualcuno che sappia c’è di sicuro (conoscere). Era nostro anche prima quindi basta uno sforzino e costruttore ed utilizzatore saltano fuori subito. ore 8:59
Francesca Terzoni Serve un ricorso al Tar ore 9:00
Francesca Terzoni Di corsa, perchè la settimana prossima sarà tardi ore 9:01
Maurizio Tosi Beh perché non lo sapevate prima ,di solito i permessi per edificare iniziano 3/4 anni prima…il TAR non è a gratis… ore 9:02
Giuseppe Santagostino Ed una bella impugnazione del contratto col Comune: l’affaccio su verde e ferrovia erano parte costituente del valore attribuito al vostro bar, come per qualsiasi attività. Se la costruzione fa capo al Comune la cosa è più semplice. ore 9:02
Francesca Terzoni Maurizio credo che questo permesso risalga ancora a prima perché i consiglieri di zona uscenti non mi sono sembrati informati. ore 9:03
Giuseppe Santagostino Si sveglino ore 9:03
Francesca TerzoniGiuseppe qualunque sia la ragione, ma facciamo qualcosa. Non è il valore del Joy, è che parliamo dell’ultimo prato… ore 9:03
Maurizio Tosi Grande teoria Leninista : l’informazione è la base del potere…forse erano più interessati ad altre cose. ore 9:07
Giuseppe Santagostino La felicità! Ma non quella della Terzoni… ? ore 9:08
Francesca Terzoni Forse invece dobbiamo pensare a cosa si può fare oggi, ora.
Quando tireranno su 9 metri di muro blu ai miei figli non importerà molto di sapere a chi dare la colpa. In quel campo ci sono le lucciole! ore 9:08
Patrizia Binda Ma il campo è privato o pubblico? Perché se è privato e ha tutti i permessi in regola non credo ci sia molto da fare.Di storie di questi scempi ne è piena Milano (e l’ Italia). Il privato fa il business che gli conviene, con il consenso del pubblico ovviamente. E il CdZ? Non so, non c’ ero, e se c’ ero, ero asservito alle decisioni del Palazzo. ore 9:31
Alberto Bennati Ma quale ricorso al tar, scendete in strada e bloccate tutto. Il punto non è che vi stanno fottendo l’ultimo spazio verde, ma che a forza di far finta di niente vi siete perduti. Milano è perduta. ore 9:31
Ivan Sal Cara @francesca, purtroppo la cementificazione ed impermeabilizzazione va avanti e se ne frega di tutto. Da sinistra a destra, tutti sono per cemento e asfalto. Basti pensare che il pavé, pavimentazione permeabile e storica, viene rimossa o cementificata. Tutto nel silenzio e nella complicità. Tieni presente che un ricorso urgente costa sui 20 mila euro. I consiglieri della precedente giunta devono sapere e forse l’avranno anche autorizzato. https://www.change.org/…/sistemiamo-il-pave-e-le…
ore 11:10**
Ivan SalMichele Sacerdoti ne sai qualcosa? Gabriele Antonio Mariani non è più su fb? ore 9:48
Alessandro Cini In Piazzale Lavater erano riusciti a fermare la costruzione del parcheggio sotterraneo ore 9:46
Cesare CastelliFrancesca Terzoni temo che quella palestra faccia parte di un piano di “valorizzazione” che comprende tutta quella parte di Valvassori Peroni cioè la palestra accanto e l’ex sede della Parchi & Giardini su cui dovrebbe espandersi l’alberghiero. Un progetto di almeno 6 anni fa. Comunque in Municipio3 sanno sicuramente tutto ore 9:49
Giuseppe Santagostino Io chiederei direttamente a Caterina Antola perché un intervento di queste dimensioni non può passare inosservato: se poi l’intervento fosse pubblico (ma ci dovrebbero essere i cartelli di cantiere ad indicare proprietà ed impresa esecutrice) la cosa sarebbe spessa. ore 9:52
Ivan SalGiuseppe, guarda che non sarebbe “spessa”. È normale amministrazione, solo che quando tocca gli altri in molti se ne fregano. Non mi riferisco a nessuno dei presenti, ma è la realtà. ore 10:25
Patrizia Binda È un peccato che ancora, dopo anni che cittadini in varie parti di Milano si sono ribellati contro “le mani sulla città” mentre l’ amministrazione di qualsiasi colore li considerava rompiballe con la sindrome nimby , ci si accorga di scempi urbanistici solo quando ti capitano vicino ( non mi riferisco a te, Francesca, che anzi hai difeso da subito il verde della Piazza d’ Armi). E ce ne si accorga a cose fatte. E non ci sono mai responsabili. ore 10:29
Francesca Terzoni
w001w Francesca Terzoni

ore 11:44
Francesca Terzoni Ecco cosa hanno fatto in una settimana partendo con una DIA ore 11:45
Ivan Sal Mi spiace, ma per fermare una cosa simile, ci vorrebbe che abbiano commesso qualche illecito nelle pratiche ed in ogni caso serve un ricorso al tar (20.000 euro). La cosa che trovo odiosa e non da città moderna, è che non vengano affissi cartelli esplicativi 6 mesi prima dell’inizio dei lavori. Siamo cittadini e dovremmo essere informati. Ci arriveremo? ore 11:50
Michele Sacerdoti Si tratta della nuova palestra di Zero Gravity, associazione sportiva che ha vinto il bando del Comune per la gestione di una parte del centro sportivo Crespi e che utilizzava già il campo per le sue attività da un paio di anni con una tensostruttura. Il progetto è stato approvato all’unanimità dal consiglio di zona 3, l’abbiamo fatto modificare sulla base di osservazioni mie e di Mariani perchè la facciata verso via Valvassori Peroni era piuttosto brutta e abbiamo previsto alberi tra la facciata e la strada per nasconderla, inoltre è stata resa simile a quella dell’auditorium accanto. Sarà blu come il colore dell’associazione. Il progetto è stato da me seguito in commissione del paesaggio in cui rappresentavo il consiglio di zona 3 che aveva anch’essa fatto gli stessi nostri rilievi ed approvato dalla giunta Pisapia nella sua ultima seduta. Lo potete trovare sul sito di zero gravity http://www.zero-gravity.it/ Metà del campo verso il Crespi rimarrà a verde per le attività all’aperto. Il consiglio di zona 3 ha privilegiato l’interesse del quartiere alle attività sportive che si svolgono anche al chiuso d’inverno. La delibera è sul sito del comune.https://www.comune.milano.it/…/Consulta…/showdoc.aspx…ore 11:51
Ivan Sal Grazie Michele Sacerdoti delle informazioni ore 11:51
Patrizia Binda Anche in questo caso però , fatto salvo che ci vogliano luoghi per lo sport, possibilmente pubblici, perché non si è preso in considerazione il riuso di edifici inutilizzati o fatiscenti, e adattata quell’ area alla pratica outdoor lasciandola a verde?
Ore 11:55
Michele Sacerdoti Tutto è nato dal bando di assegnazione del Centro Crespi alle associazioni sportive, lungamente discusso nella commissione sport del consiglio di zona 3, presieduta da Sara Rossin del Pd. Anche il centro sportivo verrà riqualificato, togliendo l’amianto, a cura di un’altra associazione sportiva che ha vinto il bando per quella parte.
ore 12:47
Francesca Terzoni Michele per costruire un mostro blu di quelle dimensioni si poteva scegliere l’ex campo da rugby del Giuriati. C’erano gli spalti, non cambiavi il panorama tutto intorno. Quel prato era una boccata d’ossigeno. In tutti i sensi. C’erano le lucciole e le farfalle…
ore 12:13
Michele Sacerdoti Capisco ma le obbiezioni andavano portate in consiglio di zona 3 a suo tempo. Tutti i consiglieri di tutti i partiti erano favorevoli e preoccupati per la lungheza dell’iter, l’approvazione della palestra nei vari uffici comunali è durata circa un anno.
ore 12:27
Patrizia Binda Il grave è che a nessuno in CdZ siano venute le stesse obiezioni.
ore 12:50
Ivan Sal Se qualcuno avesse portato obiezioni, dubito sarebbe stato ascoltato. In ogni caso, questa è l’ennesima dimostrazione che CdZ / municipi sono scollati dal territorio. Diversamente, Francesca avrebbe saputo che li si sarebbe costruito. Invece, come sempre, il cittadino viene a scoprire i lavori a giochi fatti.
Questo è un problema molto serio e nessuno se ne preoccupa.
ore 13:29
Michele Sacerdoti In effetti qiesto è un grosso problema. SI dovrebbe dare larga pubblicità agli ordini del giorno delle commissioni ma non vi sono gli strumenti. E con l’accentramento delle decisioni nella nuova giunta municipale non è neache possibile su decisioni che prima passavano dal consiglio.
Ore 13:45
Ivan Sal Ecco qui cosa faranno ore 11:52
Francesca Terzoni mamma mia… ore 12:08
Cesare Castelli Francè sei nel coordinamento del Circolo che esprime: la Presidente, 2 dei 3 assessori, il vicepresidente d’aula (Filippo Andrea Rossi) quasi la metà dei consiglieri di maggioranza(3 dei quali già di 02PD – Decidere Insieme) del Municipio 3, se non riesci a sapere da loro tutto quello che giustamente vuoi….. ore 11:55
Michele Sacerdoti Ecco la delibera della giunta Pisapia https://www.comune.milano.it/…/Consulta…/showdoc.aspx…

Comune di Milano – Ammissione del…

comune.milano.it ore 11:56
Giuseppe Santagostino Ok ma la domanda della Terzoni potrebbe a questo punto diventare la seguente ( e parla uno che giocava a pallacanestro li nel 1972): perché a fronte di un centro sportivo vecchio come il Giurati si è pensato al prato e non alla riedificazione dell’esistente? Ore 12:04
Giorgio Sensalari Perché il Giuriati è una struttura di proprietà del comune ed i costi di ristrutturazione supererebbero o quasi quelli di una nuova costruzione, in quanto essendo molto vecchia come anno di costruzione, va tutta bonificata dell’amianto presente in matrice friabile i cui costi di bonifica sono molto alti.
Peccato solo che l’amministrazione non ottemperi agli obblighi di legge in materia di amianto nei luoghi pubblici, come invece fa e pretende dai privati.
ore 13:56
Sara Rossin Perchè il Giuriati è un centro sportivo comunale assegnato al Politecnico fino al 2035.
E il Politecnico lo sta ammodernando, anche con la costruzione di un centro aggregativo-sportivo coperto polivalente
ore 17:56
Ivan Sal Perché non si sarà pensato, perché il verde costa meno, perché sarà stato deciso così e non si discute, perché nessuno avrà ascoltato qualche cittadino rompipalle, perché cemento è bello, perché perché… Ma il finale troppo spesso è sempre lo stesso ore 12:07
Francesca TerzoniAndrea guarda il progetto nei commenti qui sopra. Mi viene da Piangere ore 12:09
Andrea Negrelli Sapevo già. ore 12:10

Michele Sacerdoti Tutti coloro che sono intervenuti in commissione sport del consiglio di zona 3 sapevano del bando e del progetto, discusso un una commissione urbanistica e sport congiunta nel marzo scorso.ore 12:12
Fabrizio Marrali mi sa che ,se ti andrà bene, ti faranno uno sconto sull’ abbonamento della palestra…..ore 12:26
Michele Sacerdoti Io in palestra non ci vado.ore 12:28
Michele Sacerdoti Comunque credo che il costo della palestra sia convenzionato con il comune.ore 12:28
Michele Sacerdoti Anch’io avrei preferito che rimanesse tutto a verde ma nel PGT questo vincolo non c’è.ore 12:30
Michele Sacerdoti E non era previsto nel bando.ore 12:30
Antonino Petrucci Tu e il tuo Partito siete “portatori sani” di queste politiche e ti meravigli chiedendo a noi il da farsi!!!! ore 12:45
Giuseppe Santagostino Io, vecchio Città Studi ora Zona 1 da trent’anni, conosco il Giuriati bene e so che la palestra dove facevo ginnastica nel 1971 e poi pallacanestro nel 1972/1973 è ancora la mia. Quindi credo inefficiente energeticamente, non rispondente agli standard e con un edilizia in via di defungimento. Perché si è deciso per un centro nuovo e non la riqualificazione di quello esistente credo evidenzi un limite culturale anche della sinistra sulla lastricatura delle superfici verdi e sul non disturbare il conducente (credo sia più facile edificare sul verde e più complesso rompere le scatole a chi gestisce ed usufruisce del centro esistente). Nulla di irregolare ovviamente ma soluzione non edificante vista da qua. ore 12:54
Sara Rossin*** A Francesca e tutti gli altri che parlano solo perchè hanno la bocca.
Quell’area è parte del centro sportivo Crespi, un tempo utilizzata come “diamante” (cioè come campo da baseball), poi inutilizzata e recentemente riutilizzata per discipline sportive insolite ma importantissime per una larghissima fascia giovanile: acrobatica e freestyle.
Non è più da tempo un’area incolta. Da anni vi si svolgono campus estivi molto frequentati.
Il centro sportivo Crespi (che è di proprietà comunale ed è stato gestito in modo fallimentare da Milanosport) è stato messo a bando tre volte ed il Consiglio di Zona 3 ha seguito con attenzione tutti questi bandi.
Dopo due bandi andati deserti, finalmente e con l’assenso entusiasta del Consiglio di Zona 3, è stato diviso in tre lotti tutti e tre assegnati.
Su quell’area sta sorgendo un impianto sportivo (assolutamente regolare) energeticamente autosufficiente e primo in Europa per l’acrobatica e il freestyle, che lascia a verde due terzi dell’area.
Non è affatto “partito con una DIA” ma è stato discusso per molti mesi e ha percorso tutto l’iter dei permessi alla luce del sole. Grazie all’impegno di un’associazione sportiva che nel giro di cinque anni ha fatto più di 7.000 iscritti e con l’appoggio convinto del Consiglio di Zona 3 e del Comune.
Era meglio lasciare l’area incolta e infestata da nutrie e da ogni altra schifezza ? Non credo proprio.
Comunque, prima di gridare allo scandalo sarebbe bene cercare di sapere, andare a vedere, magari fare un po’ di salti sui tappeti elastici (tanto più di questo molti di voi non sanno fare) e partecipare ai lavori del Consiglio di Zona prima, del Municipio adesso. Le commissioni sono pubbliche: qualunque cittadino può dire la sua e, magari, informarsi e capire.
Questo di Francesca e degli altri è proprio il modo più stupido e disonesto di usare facebook e di lanciare allarmi sbagliati e ingiustificati.
Questa non è partecipazione, è becero e ignorante allarmismo.
Partecipate, gente, partecipate ! Con anche la testa, magari !ore 15:01
Giuseppe Santagostino Se guardi le osservazioni, almeno le mie, sono relative alla progettazione senza organicità per cui ti trovi due centri sportivi distinti, di dimensioni trascurabili entrambi che frazionano come capannoncini artigianali di un qualsiasi sobborgo periferico, un’area già ampiamente costruita senza organicità. Lascia perdere le lucciole e dimmi perché con il vecchio ed obsoleto centro sportivo non si è pensato ad in’operazione organica invece dell’ennesima schifezza da geometra di periferia (ma colorata).15:42
Sara Rossin Perchè il Centro sportivo intero non era gestibile da nessuna società sportiva vera (tant’è che per ben due volte il bando è andato deserto) e il Consiglio di Zona (e il Comune) non volevano darlo ai privati, cosa peraltro non consentita nemmeno dalla Legge Regionale sullo sport.
L’organicità non la vedi tu, ma noi ne abbiamo discusso a lungo. In tempi brevi avremo un centro sportivo articolato in tre aree destinate a tre società sportive e a discipline diverse, non in concorrenza tra loro. Da nord a sud: il Centro acrobatica e freestyle più grande d’Europa realizzato da e affidato a Zero-Gravity, il Centro per la ginnastica e gli sport di squadra (ginnastica, basket, volley, tennis, calcetto, ecc) affidato a Acquamarina e Zeronove che pian piano lo ristruttureranno senza sospenderne le attività, il Centro del Rugby affidato a Amatori e Union Rugby che lo risistemano continuando le attività.
Non è una schifezza da geometra. Vedrai. ore 15:51
Giuseppe Santagostino attendo speranzoso perchè già le Università, fuor della Celoria ci hanno dato dentro. ore 16:01
Patrizia Binda E non è che chi esprime dubbi, perplessità o anche certezze diverse dalle tue, cara Sara Rossin , parla solo per dare aria alla bocca. Anzi capita spesso che abbia ragioni da vendere e le argomenti a ragione invece che vendere certezze con arroganza. Nessuno di chi si è espresso qui è contro le pratiche sportive da te accennate. Semplicemente ci si chiede se per le pratiche indoor si poteva riusare invece che costruire ex novo. E non gettare nuovo cemento non significa necessariamente lasciare terra incolta. ore 16:08
Sara Rossin Oh, cara, il post iniziale e molti dei commenti seguiti a quello non sono stati solo arroganti, ma anche aggressivi e pregiudiziali, fondati sulla totale non conoscenza di quello di cui parlavano. Non erano dubbi, erano condanne a prescindere.
E non si tratta di “vendere certezze con arroganza”, si tratta del lavoro svolto per anni in Consiglio di Zona, in commissioni pubbliche dove ognuno può dire la sua, in tutta trasparenza, lavoro che forse non è obbligatorio conoscere, ma certo non è ammissibile che venga disprezzato a tal punto.
Meglio informarsi prima di protestare e riflettere prima di parlare.
Certo ognuno deve poter esprimere la propria opinione, ma che sia un’opinione fondata su qualcosa, non sull’eterno e indiscriminato sospetto che tutti gli altri siano dei banditi.
Stai difendendo l’indifendibile. ore 16:28
Patrizia Binda No, mi sto semplicemente esprimendo in base a rapporti che ho avuto negli anni , da cittadina attiva, con differenti maggioranze nello stesso CdZ, il 7. E non è che esima da responsabilità anche i cittadini che non si esprimono
Ma troppo spesso quelli che si esprimono sono inascoltati se non disprezzati. Per non dire dell’ incompetenza di molti cosnsiglieri improvvisati, per fortuna non tutti. Esperienza, cara mia, esperienza, non parole al vento. Ore 16:44
Ivan Sal @sara rossin tutti abbiamo la bocca. la sua reazione piccata mi lascia perplesso, se avete operato bene basta spiegare e tutti capiranno e riceverà anche i complimenti. Psicologicamente, chi reagisce in modo spropositato o lancia anatemi di solito è perché ha qualche dubbio sul suo operato e allora fa la voce grossa. Inoltre, in tutto ciò, non tiene conto del fatto della carenza di informazione che c’è da CdZ verso esterno. Mi scusi, ma secondo lei, tutti i cittadini dovrebbero frequentare il CdZ? Non sarebbe più opportuno che quel che decidete, esca per magia e vada ad informare o cittadini?
In ogni caso, non ha risposto al “perché costruire su un’area che poteva diventare un giardino in luogo del recuperare un qualsiasi edificio abbandonato”. Chissà perché a fronte di una cementificazione bisogna sempre sentire l’odioso e falso “era meglio un’area dettata infestata da nutrie”. Le aree verdi possono diventare giardini, milano è infestata da smog che si respira anche lei e da terreni impermeabilizzati. Sarebbe interessante che spiegasse il senso della sua affermazione sull’andare a saltare sui tappeti elastici e che molti di noi non lo sanno fare. Siamo forse tornati nel ventennio fascista e per commentare dobbiamo prima fare una prova ginnica? Certamente ha ragione sul fatto che non stiamo parlando di partecipazione, la partecipazione è quella cosa che ci negate e la prova è che Francesca ha li di fronte un’attività, conosce molti consiglieri, sta nel pd, ma non sapeva nulla! La testa la usi anche lei e magari la raffreschi nel mentre che salta sui tappeti! ore 16:50
Sara Rossin Quella era, è e sarà un’area sportiva, in gran parte lasciata a verde alberato e curato.
Tutte le altre considerazioni gliele lascio volentieri, senza commento, perchè le considero inutilmente offensive. Tranne una, che mi sembra proprio sbagliata. La partecipazione nessuno la nega, ma partecipare vuol dire informarsi e portare il proprio contributo al ragionamento collettivo, cosa che è stata fatta ed è sempre stata possibile in zona 3 e nella commissione sport. Solo che bisogna volerlo fare. ore 17:11
Ivan Sal Comunque, il consigliere Michele Sacerdoti ha dimostrato che si può rispondere ed informare i cittadini anche a posteriori, senza sentirsi attaccati, senza accusare di mancata partecipazione, senza dover saltare sui tappeti elastici. Tenga conto che gran parte dei cittadini ci provano ad andare nei CdZ a dire la loro. Ma molto spesso, se non si è allineati ai progetti non si viene ascoltati. Purtroppo ore 17:19
Sara Rossin Certo, e lo ringrazio. Io, comunque, vi ho dato in poche righe molte più informazioni. Spero che almeno questo lo apprezziate. ore 17:20
Ivan Sal Apprezzo le informazioni, però secondo me, ma magari sbaglio. Il tono e il modo non mi è sembrato il migliore. ore 19:25
Michele SacerdotiIvan Sal Ex-consigliere Sacerdoti, non sono stato rieletto.
ore 23:19
Ivan Sal Purtroppo lo so Michele Sacerdotiore 23:32

P.S. Ovviamente i lavori sono continuati sino a ieri. Oggi il cantiere è chiuso per la pausa di Ferragosto.
Sul cancello vicino alla biblioteca c’è anche il seguente cartello.


______________

* I dialoghi in rosso indicano che sono stati immessi in face-book in una sequenza temporale relativa all’intervento precedente
** Sara Rossin è stata consigliera di Zona 3 per 6 consiliature. Durante l’ultima è stata vice-presidente di Zona e presidente della Commissione Sport.

Digressione | Questa voce è stata pubblicata in redazione. Contrassegna il permalink.

7 risposte a BRUTTA FIGURA DEL CIRCOLO 02PD, DI VIA EUSTACHI 48

  1. Francesca Terzoni ha detto:

    Sono Francesca Tetzoni e sono molto colpita dalla insipienza e dallo stupido sensazionismo di questo post sciocco.
    Dove sarebbe la brutta figura?
    Cosa c’entra il circolo 02Pd?
    Chi dice che gli iscritti e i consiglieri eletti di 02PD non sarebbero informati?
    Lo deduce per caso il blogger inetto dal fatto che io abbia scritto un post per sensibilizzare la cittadinanza?
    Cosa sa questo blogger delle risposte che io posso aver ricevuto in privato?
    Perché prima di scrivere fandonie qualsiasi, non si è premurato di mandarmi un messaggio per approfondire?
    È questo il modo di fare informazione?
    Parlare di “sodali”?
    Che pena. Che incommensurabile pena per chi disinforma in questo modo…
    E, che sia chiaro, questo commento no vuole difendere 02PD o i suoi eletti ché non ne hanno alcun bisogno, ma chiedere pietà agli dei per chi scrive simili immense baggianate.
    Forse fa caldo e in TV non c’è niente… Nel caso, invito il blogger a leggere un libro (o un fumetto, una ricetta, un foglietto illustrativo, una cosa qualsiasi che lo distragga dal caldo). Lo faccia per il nostro bene.

    Mi piace

    • TWB ha detto:

      N.B. quando si riporta uno scritto d’altri è bene riportare anche la punteggiatura. La parola sodali era seguita da un punto di domanda.

      A Francesca se tu la mattina vuoi vedere le lucciole e le farfalle è bene che tu vada a letto presto e non tenga aperto con Giorgio Corradi il bar Joy sino alle 3 di notte.(1)
      A proposito sai dirci perché contrariamente a quanto prescritto dal bando di aggiudicazione della gestione del bar che prevedeva la sua apertura durante l’orario di apertura della Biblioteca, del CAM, e dell’Auditorium, voi lo tenete aperto dalle 8.30 alle 3 di notte anche la domenica. Con la sola eccezione del mercoledì che aprite dalle 14 alle 3?
      Forse non ti ricordi che ad introduzione del tuo post hai scritto: “Tra un mese ci sarà una palestra di tre piani color blu Ikea”.
      Sì, lo so, hai esagerato, ci vorrà un anno prima che sia realizzata!
      Ma tu sai come “sensibilizzare la cittadinanza” Vero!
      Ma fammi capire, cos’hai battuto la testa e hai avuto la visione, per descrivere senza sapere nulla:
      “Maurizio credo che questo permesso risalga ancora a prima perché i consiglieri di zona uscenti non mi sono sembrati informati. ore 9:03”
      che stavano costruendo una palestra di tre piani color blu Ikea?
      Io non so dove tu voglia andare a parare con questa sceneggiata che continui sulla tua pagina face-book
      “Mi è stato segnalato questo post.
      Commenta un mio segnale di allarme serio su un problema grave in stile gossip/pressappochismo/e pure un po’ giustizialista a priori.
      Quando sento dire la parola “sodali” mi parte l’orticaria. Se poi è riferita a me mi fa infuriare.”
      riporti il link di questa pagina e scrivi
      “Ho lasciato questo commento:” è quello che appare sopra.

      Consiglio per consiglio.
      Visto che ti trovi a Santa Croce Camerina prova a mangiare meno crostacei perché son quelli che ti fanno venire l’orticaria.
      _____________
      (1) http://www.mitomorrow.it/2016/07/19/la-mia-piazzetta-nel-cuore-di-lambrate/

      Mi piace

      • Francesca Terzoni ha detto:

        Caro TWB (il suo nome è questo?),
        legga bene il bando: diceva che gli orari del bar dovevano garantire l’apertura durante gli orari di apertura di biblioteca, Cam e Auditorium, non limitarsi ad essi. Legga poi la sccia e gli orari autorizzati dal comune che sono esposti sulla porta del Joy.
        Infine, si preoccupi del benessere dei suoi concittadini e si accorga che i primi ad apprezzare gli orari di apertura del bar sono proprio gli studenti. Lei è interessato al bene comune o a criticare chi lo persegue, con fatica e impegno? Perché non organizza qualcosa di utile e apprezzato dagli studenti anche lei? O forse lei è quel signore che è venuto a fotografare di nascosto il nostro magazzino dove teniamo frigoriferi e mozzarelle?

        In tutto ciò, ad ogni buon costo, resta un mistero il sensazionalismo del post riguardo 02PD.
        Ma comprendiamo che il caldo d’agosto tiri brutti scherzi.
        Cordialmente,
        Francesca Terzoni
        (Il mio nome è questo per davvero)

        Piace a 1 persona

  2. TWB ha detto:

    Carissima Francesca

    Quanto alla tua prima domanda: rispondo semplicemente che tu e i tuoi soci sapete come mi chiamo. E mi fa piacere che facciate finta di non sapere il mio nome.
    Se non firmo ciò che scrivo è perché non ho sete di protagonismo e bisogno di apparire. Io sono semplicemente un cittadino che si occupa di quel che accade al civico di via Valvassori Peroni 56 e nel ns. Municipio 3. Lo faccio da un po’ d’anni. E quel che sono è ciò che scrivo.
    E non ho certo bisogno di andare a “leggermi bene il bando”. Ne ho seguito e pubblicato l’iter.
    Ma poiché frequenti compagni che nel tuo Circolo non sanno, come te (1), vorrei ricordarvi che la delibera n. 8, di indirizzo politico, approvata del CdZ3 nel gennaio 2015 dalla maggioranza, ovvero anche dai compagni del tuo partito, così diceva:
    “ – l’aggiudicatario dovrà garantire l’apertura del bar in tutti i giorni nell’orario di biblioteca
    – il partecipante dovrà garantire l’apertura del bar in concomitanza con gli eventi serali dell’Auditorium
    – il partecipante dovrà presentare un progetto culturale, gestito in proprio o attraverso associazioni collegate, per arricchire l’offerta culturale della struttura e degli spazi collegati”.
    Il 19/08/2015 fu licenziato il Bando che pubblicai il 31 agosto, indicando il link del Comune (ora modificato=testo bando sparito?). Non so.
    Comunque ne conservo copia. E riporto fedelmente quanto v’è scritto a proposito di orari; lascio ai lettori, siano essi studenti o no, giudicare.
    “4) CARATTERISTICHE DELLA PRESTAZIONE
    Il concessionario dovrà attenersi all’attività di bar (sono escluse le attività di ristorazione) da svolgersi contemporaneamente agli orari di apertura della Biblioteca Comunale, dell’Auditorium e del Centro di Aggregazione Multifunzionale.
    In presenza di eventi culturali e aggregativi con orari di apertura delle citate strutture diversi da quelli ordinari, il concessionario dovrà garantire il prolungamento dell’orario di apertura del bar.
    …”
    Ma non solo. Voi gestite un bar in concessione in una struttura comunale e oltre a non attenervi agli orari da voi indicati: Corradi ha scritto che aprite alle 8.00 e chiudete alle 3.00, tranne il mercoledì che aprite alle 14,30 e chiudete alle 3,00 e la domenica che aprite alle 11.00 e chiudete alle 3.00.
    E’ polese che il mercoledì derogate dagli impegni contrattuali poiché il CAM è aperto e la biblioteca apre alle 14.00.
    Ma poiché la struttura comunale è pubblica e senza portineria come fate a svolgere l’orario che indicate?
    Avete le chiavi di tutta la struttura e vi entrate a piacimento?
    Non mi risulta che ci siano filantropi, al di fuori di voi, che si interessano del bene comune degli studenti al punto da rimanere aperti al par Vostro considerato che fate pagare un Campari Soda 6 euro + 1 perché lo considerate un cocktail!

    _______
    (1) Cesare Castelli Francè sei nel coordinamento del Circolo che esprime: la Presidente, 2 dei 3 assessori, il vicepresidente d’aula (Filippo Andrea Rossi) quasi la metà dei consiglieri di maggioranza(3 dei quali già di 02PD – Decidere Insieme) del Municipio 3, se non riesci a sapere da loro tutto quello che giustamente vuoi….. ore 11:55

    Mi piace

  3. Francesca Terzoni ha detto:

    Caro TWB,
    non so come altro chiamarti perché, come ti ho scritto, non conosco il tuo nome e tu continui a non firmarti. E che il tuo nome lo conosca Giorgio, non significa che lo conosca io.

    Vedi, quando si scrive pubblicamente, firmarsi non è segno di protagonismo, ma di serietà e di assunzione di responsabilità di quel che si dice. Purtroppo, anonimamente puoi scrivere un mucchio di sciocchezza e nessuno sa che sei tu. Troppo comodo. Troppo vigliacco.

    Riguardo 02PD, ad esempio, scrivi considerazioni sbagliate per la semplice ragione che non conosci a fondo le questioni di cui parli. Che sei disinformato lo dimostri citando Cesare Castelli.

    Rispetto agli orari della biblioteca, come hai ben scritto dobbiamo garantire l’apertura “contestuale”, non limitarci ad essa. Nel permesso, gli orari sono più larghi perché includono quelli di preparazione del bar alla mattina e di pulizia serale. Gli orari indicati in Sccia, mi pare che tu non lo sappia, sono quelli massimi consentiti, non quelli che si è obbligati a garantire al minuto.

    Il bar è aperto negli orari richiesti dalle persone che lo frequentano e da un cittadino per bene mi aspetto gratitudine per questo servizio, non noie. Ti faccio un esempio: il mercoledì mattina la biblioteca è chiusa e i ragazzi vengono ugualmente a studiare lì perché hanno i nostri tavolini.
    Ti disturba questo modo di procedere? Se sì, dimostri che non hai a cuore gli interessi della biblioteca come scrivi. E più ti leggo più temo che sia così è che tu cerchi solo visibilità per il tuo blog a scapito di chi si mette in gioco in prima persona e ci mette la faccia.

    Riguardo al prezzo del Campari, menti.
    Ad ogni buon conto, se i prezzi del Joy non ti aggradano, puoi andare altrove.

    Troppo comodo, amico mio, criticare e giudicare senza sapere le cose e in forma anonima seduto dal divano di casa. Abbi pazienza, ma noi affrontiamo una quantità di difficoltà e di problemi che neanche ti immagini. Ricevere critiche disinformate e sbagliate fa passare la voglia di fare le cose per bene.

    Questa è l’ultima volta che ti scrivo perché la regola d’oro, in rete, è “don’t feed the troll”.
    Se però continuerai a spargere sciocchezze e menzogne sul mio conto, su quello del mio socio, sul Joy o su 02PD, la prossima volta mi arrabbierò molto di più.

    Esigo rispetto, onestà e correttezza da tutti. Anche da te.
    Francesca

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...