29 luglio VIA RODANO E VIA PREDIL NON SARANNO PIU’ COME PRIMA

Via Rodano e via Predil sono due vie che costeggiano la massicciata della ferrovia; sono a senso unico nonostante lo spazio che intercorre tra la massicciata della ferrovia, da un lato, e “i Giardini di Rodano” e il retro delle scuole di via Pini, dall’altro, permetta la creazione di un doppio senso di marcia (in tal senso già nel 2007 era stato elaborato un piano per realizzare la doppia corsia.)
All’inizio di via Rodano decenni addietro vi era una fabbrica metallurgica che aveva accesso diretto, tramite rotaia, allo scalo della ferrovia. Chiusa la fabbrica; demolito il capannone  i terreni circostanti erano diventati terra di nessuno, anche se erano di proprietà della ex fabbrica.
Poi i proprietari dei terreni decisero di edificare i “Giardini di Rodano”. A un primo lotto ne seguì un secondo di 140 appartamenti in classe A, venduti a quasi 4000 euro il mq., non certo regalati.
I venditori del complesso prospettavano, a chi era intenzionato ad acquistare, che via Rodano e via Predil sarebbero state riqualificate grazie agli oneri di urbanizzazione derivanti dal progetto “Rubattino”. Il piano è rimasto a metà e la ristrutturazione delle vie è rimasta incompiuta.
bertolazziIl 6 giugno 2010, un pregiudicato campano che aveva edificato abusivamente, su proprietà demaniale, in via Predil, una “villetta” di circa 250 mq. è stato sgomberato dalle “solerte amministrazione comunale” e così la situazione è un poco migliorata essendo rimaste solo delle  galline per la gioia di chi bivaccava con camper in via Bertolazzi.
IMG_0077wMa abbattuta la villetta il terreno demaniale di via Predil era pur sempre sterpaglia. E su via Rodano ancora dovevano iniziare i lavori di bonifica all’inizio della strada.
Ma ecco che il 15 giugno è giunta la buona novella

IMG_1385w

Cartello apposto sulla zona demaniale di via Predil, ora recintata. Se cliccate sull’immagine vi apparirà più grande e leggibile.

Questa voce è stata pubblicata in redazione e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...